Il Tar Sicilia continua ad accogliere i ricorsi prodotti dai genitori degli alunni disabili che avevano invocato la Magistratura amministrativa contro le poche ore di sostegno assegnate dal Miur e dall’Usr Sicilia…(da ceripnews)


Adesso l’Amministrazione, oltre ad assicurare un insegnante di sostegno per l’intero orario scolastico, deve anche pagare 500 euro per alunno per ogni mese che lo studente è rimasto senza sostegno o con sostegno ridotto.
Come è noto, il Miur e l’Usr Sicilia hanno giocato al ribasso assegnando ore di sostegno in meno, anche in caso di evidente gravità, sperando nella quasi certezza che i genitori e le associazioni delle famiglie che assistono gli alunni con handicap sarebbero state zitte. Stavolta però non è stato così e sul tavolo dei Giudici amministrativi sono piovuti centinaia di ricorsi tutti tendenti all’elevazione delle ore di sostegno, nel piano rispetto della diagnosi funzionale.
Le varie decisioni prese dal Tar Sicilia non serviranno certamente a far rinsavire Miur e Usr Sicilia, tuttavia faranno da apri-pista per il prossimo anno scolastico nel caso, scontato, di analoga perversa scelta dell’Amministrazione di giocare al ribasso perfino con i diritti degli alunni diversamente abili.
(n.b.)