Sostegno, sempre più alunni sempre più prof di Alessandro Giuliani…(da Latecnicadellascuola)

 

12/11/2013

Dati ufficiali Miur. Gli allievi con problemi di apprendimento iscritti ad una scuola statale italiana sfiorano le 210mila unità: rispetto all’a.s. 2000/01 quelli con disabilità sono aumentati di oltre il 60%. L’incremento maggiore alle superiori. Più iscritti nell’Italia centrale. Il limite intellettivo è il più diffuso. Boom anche di cattedre, che ormai superano le 110mila unità, per un rapporto ormai stabilizzato di 1 a 2.

Continua a crescere, anche sensibilmente, il numero di alunni con disabilità nella scuola statale italiana. E anche quello dei docenti a supporto degli alunni disabili. Con un rapporto che si attesta oramai su 1 (docente) ogni 2 (alunni) . A renderlo noto è stato il ministero dell’Istruzione, che nel pomeriggio del 12 novembre ha pubblicato, sul proprio sito internet, le prime anticipazioni dei dati statistici sugli alunni con disabilità e sul sostegno relativi al 2013-2014 (in attesa della conclusione delle procedure di assunzione in ruolo).

In base al quadro di sintesi del Miur, aggiornato al 26 ottobre 2013, si è passati dai 202.314 del 2012-2013 ai 209.814 di quest’anno scolastico. Con un incremento del 3,7%.

Ma aumenta, come abbiamo già detto, anche il contingente dei docenti di sostegno: dai 101.301 del 2012-2013 si arriva ai 110.216 del 2013-2014 (+8,8%).

La presenza di “personale – si legge nel Focus ministeriale – “è sempre più stabile, grazie anche a quanto previsto nel decreto scuola ‘L’Istruzione riparte'”. Secondo il Miur si tratta di una “risposta concreta alle esigenze di 52.000 alunni che oggi non avevano la garanzia di mantenere lo stesso docente da un anno all’altro”.

Viale Trastevere ha anche pubblicato il Focus ‘L’integrazione scolastica degli alunni con disabilità – dati statistici a.s. 2012-2013’ in cui viene descritto il fenomeno con maggior dettaglio. Per quanto riguarda l’incremento di iscritti, il Ministero fa notare che ci sono tassi differenti nei vari ordini e gradi di scuola: +2,2% nella scuola dell’infanzia, +3,4% nella scuola primaria, +2,4% nella scuola secondaria di I grado e +4,3% nella scuola secondaria di II grado.

Guardando ai numeri della sola scuola statale, dall’anno scolastico 2000-2001 gli alunni con disabilità sono aumentati di oltre il 60%. La crescita è stata differente nelle diverse macroaree del territorio: +90% nel Nord-Ovest, +76% nel Nord-Est, +82% nel Centro, +34% nel Mezzogiorno. Gli alunni con disabilità sono circa il 2,5% sul totale degli alunni (1,3% nella scuola dell’infanzia, 3% nella scuola primaria, 3,7% nella scuola secondaria di I grado e 2% nella scuola secondaria di II grado). Le regioni dell’Italia centrale presentano mediamente una percentuale più elevata di alunni con disabilità. Nelle scuole statali si registra una percentuale di alunni con disabilità, sul totale degli iscritti, pari al 2,7%. In quelle non statali sono l’1,5%.

Per quanto riguarda, infine, i tipi di disabilità, quella intellettiva rappresenta la tipologia più diffusa: oltre 148.700 alunni fra scuola statale e non statale (il 66,7% del totale).

Il Miur ha voluto ricordare che attraverso il decreto Istruzione è stata consentita l’immissione in ruolo in tre anni di 26.674 docenti in più rispetto alla dotazione organica del sostegno: di questi 4.447 saranno appunto stabilizzati già dall’attuale anno scolastico, 13.342 lo saranno nel 2014-2015 e 8.895 nel 2015-2016.