altSudare sui libri fa bene alla salute. Secondo una recente ricerca, pubblicata su Bmc Public Health, gli anni di studio sono correlati a valori di pressione più bassi, ma anche a una diminuzione dell’incidenza di altri fattori “chiave” per la salute, come il consumo di alcol, il fumo e il sovrappeso.

 

 

 

 

 

28/02/2011 – RICERCA

Studiare fa bene alla salute

Effetto positivo contro l’ipertensione

 

ROMA – Sudare sui libri fa bene alla salute. Secondo una recente ricerca, pubblicata su Bmc Public Health, gli anni di studio sono correlati a valori di pressione più bassi, ma anche a una diminuzione dell’incidenza di altri fattori “chiave” per la salute, come il consumo di alcol, il fumo e il sovrappeso.

Sulla base dei dati dello studio Framingham Offspring, i ricercatori della Brown University hanno seguito 3.890 persone per 30 anni, monitorando la storia medica di ciascuno, la durata della formazione culturale e l’incidenza di malattie cardiovascolari.

Così si è scoperto che gli uomini colti (con alle spalle più di 17 anni di studio) avevano un indice di massa corporea più basso, fumavano e bevevano meno rispetto ai coetanei che avevano passato meno tempo sui libri. Anche le donne più studiose fumano decisamente meno e hanno un indice di massa corporea ben più basso delle coetanee meno colte, ma tendono a bere un po’ di più (comunque sempre circa la metà rispetto agli uomini studiosi).

Non solo: per lui e lei ogni livello in più di grado accademico conseguito riduce ulteriormente l’incidenza di ipertensione. Insomma, «anche tendendo conto delle variabili socio-economiche – sostiene Eric Loucks della Brown University – gli anni di studi sono inversamente correlati con l’ipertensione, e l’effetto positivo della cultura è addirittura più forte per le donne, rispetto agli uomini».

Insomma, la nonna aveva ragione: chi vuole vivere a lungo dovrebbe fare attenzione in classe, studiare duro e andare all’università.

http://www3.lastampa.it/scuola/sezioni/news/articolo/lstp/391051/