Se l’impegno dei presidi è “di non meno di 12-13 ore al giorno”, bisogna raddoppiare subito il numero delle scuole

Vero o non vero che l’impegno del preside è “di non meno di 12-13 ore al giorno”? Ciò è ribadito, compreso il “non di rado sacrificando anche l’irrinunciabile diritto al riposo fisiologico e alle ferie”, nel comunicato di Dirigenti-Codirp (segretario generale nazionale il preside in pensione Attilio Fratta), con obbligo di affissione all’albo sindacale, nel documento del 2 maggio 2017… Continua a leggere

I presidi assunti per concorso piangono miseria e soffrono molto. Democraticamente eletto il preside coordinatore della didattica.

Il pianto dei presidi-poverelli spezza il cuore dei/delle docenti e del personale ata, tanto che ciascuno di loro, per non vederli soffrire di miseria e di fame, potrebbe essere disponibile a fargli dono di una parte del proprio “lauto stipendio”, ancora tale anche se durante gli ultimi sette anni i docenti e gli ata hanno complessivamente perduto 28 miliardi di euro (e quest’anno ciascuno di loro ne perderà da 150 a 250 al mese, che compresa la tredicesima mensilità corrispondono da 1.950 a 3.250 euro)…

Continua a leggere

Camilleri: è sbagliato dare tanto potere ai presidi

Allo scrittore siciliano non piace la norma, prevista dal ddl di riforma approvato dal Governo, che se approvata in Parlamento amplierebbe le competenze di dirigenti scolastici, dandogli anche facoltà di individuare i docenti più adatti al loro istituto: perché ce ne sono di bravi e meno bravi, anche tra i premi Nobel ci sono degli imbecilli… Continua a leggere

Presidi sul piede di guerra

A quanto pare nella scuola non c’è nessun operatore contento. E anche i presidi sono da tempo sul piede di guerra. I protagonisti della dirigenza più rognosa e malpagata del pubblico impiego continuano la lotta e per questo il 4 dicembre scorso alcune loro delegazioni, provenienti da tutte le parti d’Italia, hanno manifestato davanti al Miur chiamati a raccolta dalle OO.SS. rappresentative dell’Area V (Anp Cida, Cisl Scuola, Flc Cgil, Snals Confsal e Uil Scuola)… Continua a leggere

Da precari a presidi: parola del Consiglio di Stato

I precari possono diventare presidi: parola del Consiglio di Stato. E’ stato respinto, infatti, l’appello del Miur che chiedeva la sospensione cautelare della sentenza n. 5011/14 con cui gli avvocati F. Ganci e W. Mi‎celi avevano ottenuto la validazione della partecipazione dei precari con cinque anni di servizio all’ultimo concorso per dirigenti scolastici… Continua a leggere

Scuola: sempre meno presidi e personale Ata

Il prossimo anno scolastico si aprirà con 8.094 presidi, circa 2.100 in meno rispetto al 2011/12, quando erano 10.211: il dato ufficiale è contenuto nel decreto del Miur contenente il contingente dei dirigenti scolastici assegnati ad altrettante scuole autonome dal prossimo 1 settembre. E continua a calare anche il personale Ata… Continua a leggere

Scuola, con ok definitivo Camera il decreto sui presidi è legge

Roma, 3 giu. (TMNews) – La Camera, con 281 voti a favore, 71 contrari e 29 astensioni ha convertito definitivamente in legge il decreto del governo per il regolare svolgimento dell’anno scolastico che riguarda prevalentemente la regolarizzazione delle dirigenze scolastiche, già approvato dal Senato… Continua a leggere

Presidi, correzione scritti ad alta tensione

Ogni regione ha adottato criteri diversi per correggere le prove,  per tutti vige la trasparenza Presidi, scritti ad alta tensione Dopo i ricorsi, massima allerta per evitare nuove contestazioni…(da ItaliaOggi)IN QUESTO ARTICOLO VIENE CITATA LA PROPOSTA DI AETNASCUOLA.IT: CORREZIONE PROVE IN DIRETTA STREAMING!!!

Continua a leggere