Erano i tempi della DC e delle sue magagne, quando Massimo Simili scriveva “Gli industriali del ficodindia”, un romanzo destinato a subire gli strali della censura perché denunciava, seppur ironicamente,…
Leggi tutto»