TFR: quella quota del 9,60% presente nelle sentenze e dimenticata dal Governo…(da anief) Continua il mistero sui fondi miliardari necessari per pagare la quota eccedente il 6,91% già versato per i dipendenti pubblici. Tra gli effetti della cancellazione dell’art. 12, c. 10 L. 122/10, secondo i giudici amministrativi e costituzionali, si dovrebbe tornare alla quota precedente vigente (+ 2,69). Ma pagherà lo Stato – e quando, visto l’assenza di ogni riferimento – oppure si dovrà ricorrere? Guarda la tabella.


La parola al Parlamento che potrebbe rispondere al quesito durante la conversione del Decreto Legge. “Se non saranno date risposte entro 60 giorni, è evidente che il sindacato – dichiara Marcello Pacifico, presidente Anief e delegato Confedir alle alte professionalità e ai direttivi del Pubblico impiego – promuoverà una nuova vertenza giudiziaria perché sia versato dal datore di lavoro (amministrazione pubblica) l’intera quota di TFR/TFS attribuibile al lavoratore, il 9,60%, a partire proprio dai precari che devono ricevere la loro parte entro sei mesi dall’ultimo rapporto di lavoro. Se hanno ragione i giudici, infatti, basti pensare che ogni precario della scuola ha diritto a 250 euro in più per anno di servizio nel 2011 e nel 2012, 50 milioni complessivamente per il biennio trascorso, 9 milioni in più di quanto finanziato dal Governo, in parte, proprio con i fondi di riserva della Scuola. E dove sono i 4 miliardi per assegnare, nel 2011 e 2012, tra i 1.000 e i 1.500 euro in più in media al TFR/TFS di più di 3.000.000 di dipendenti e dirigenti pubblici? E gli altri 2 miliardi a regime per ogni anno?”. Guarda la tabella:

Trattamento – Fine Rapporto – Fine servizio

A
Legge 122/2010,
art. 12, c. 10
INCOSTITUZIONALE
dal 01.01.2011 al 30.10.2012
———-
Aliquota 6,91%

su intera retribuzione, trattenuta 2,5% a carico del lavoratore

Amministrazioni
pagano 4,41%

(che dovrebbe corrispondere al 4,91% su 80%)

Sentenza Consulta n. 223/2012
e
D. L. 185/2012
Cancellazione A
Ritorno B
Nota ANIEF
B
Legge 75/1980,
art. 18
D. P. R. 1032/1973
artt. 37-38
dal 01.01.1984
al 31.12.2010
———–
Aliquota 9,60%
su 80% della retribuzione,

trattenuta 2,5% a carico del lavoratore

Amministrazioni
pagano 7,10%
Stanziati
41 milioni per

ri-liquidare TFR/TFS già liquidato

2011-2012,

di cui 8 milioni ripresi dalla relazioni tecnica di accompagnamento alla norma cancellata

Amministrazioni devono anche pagare 2,69%

per ripristinare quota 9,60%
………..

Non sono previste le risorse né modalità e tempi di recupero

delle somme spettanti
………..
Servono
4 miliardi per 2011-2012 e
2 miliardi all’anno a regime

Per approfondimenti, leggi questo comunicato