alt

Catania, Biblioteca regionale (Piazza Università), lunedì 22 febbraio 2010, ore 18 Terzo appuntamento con la rassegna promossa da Biblioteca regionale, Teatro Stabile, Facoltà di Lettere “Lunedì in biblioteca.Cunta ca ti cuntu”:in scena la fiaba“Colapisci, testo e regia Ezio Donato, con Mariella Lo Giudice e gli Allievi della Scuola d’Arte drammatica “Umberto Spadaro”…  


Colapisci (Colapesce)
testo e regia – Ezio Donato
musiche – Carlo Insolia
organetto – Valerio Cairone
Il narratore – Ezio Donato
con la partecipazione di Mariella Lo Giudice
e gli Allievi della Scuola d’Arte drammatica “Umberto Spadaro” del Teatro Stabile di Catania
 
Catania, Biblioteca regionale (Piazza Università), lunedì 22 febbraio 2010, ore 18

 
Comunicato stampa
 
Terzo appuntamento con la rassegna promossa da Biblioteca regionale, Teatro Stabile, Facoltà di Lettere
 
“Lunedì in biblioteca.Cunta ca ti cuntu”:in scena la fiaba“Colapisci, testo e regia Ezio Donato,
con Mariella Lo Giudice e gli Allievi della Scuola d’Arte drammatica “Umberto Spadaro” 
 

CATANIA – Terzo e conclusivo appuntamento con “Cunta ca ti cuntu”, la trilogia di fiabe popolari siciliane promossa dalla Biblioteca regionale, con la fondamentale collaborazione del Teatro Stabile di Catania e l’importante contributo scientifico della Facoltà di Lettere e Filosofia. La rassegna s’inserisce nell’ambito dei “Lunedì in biblioteca” e vuole approfondire leggende e racconti della tradizione isolana: racconti favole che stigmatizzano, e al contempo esorcizzano, le conseguenze di atti e pulsioni che spesso attengono alla zona oscura e inconfessabile dell’animo umano.
Dopo il cunto di “Bettapilusa”, incentrato sul tema dell’incesto, e “La pinna di hu”, che narra di un fratello assassinio per gelosia e avidità, è ora la volta di un antichissimo e celeberrimo mito isolano: Colapesce, l’eroe anfibio che dagli abissi regge  la Trinacria. Lunedì 22 febbraio alle ore 18, nel salone di lettura della Biblioteca regionale, che ha sede in Piazza Università, andrà in quindi scena “Colapisci”, la cui struttura narratologica si fonda ancora sulla conflittualità familiare.
Come nei precedenti appuntamenti, Ezio Donato mette a frutto la sua ricerca dedicata alla letteratura favolistica, e spesso sfociata in efficaci riduzioni teatrali. Suoi il testo e la regia, mentre le musiche sono di Carlo Insolia, all’organetto Valerio Cairone. In scena un’attrice di chiara fama come Mariella Lo Giudice, nota e cara al pubblico teatrale ma anche cinematografico e televisivo. A farle corona gli Allievi della Scuola d’arte drammatica del Teatro Stabile di Catania, intitolata al grande Umberto Spadaro.
          “Colapisci era uno mezzu omu e mezzu pisci”. Con queste semplici e scarne parole, che descrivono la straordinaria qualità anfibia di un essere sorprendente, hanno inizio quasi tutte le versioni popolari. Agli inizi del ‘9OO, Giuseppe Pitrè, negli “Studi di leggende popolari in Sicilia”, ricostruisce la natura, l’origine e l’evoluzione della leggenda collocandola fra le ultime forme di mitologia in Sicilia. Non v’è dubbio, infatti, che il mitico eroe discenda, attraverso la tradizione popolare (più di 40 versioni) e letteraria (50 autori dal Medioevo a oggi; fra i classici non italiani della letteratura, Cervantes e Schiller), dalla mitologia di Poseidone, dei Tritoni e di tutti gli altri semidei abitanti del mare fra lo Jonio e lo stretto di Messina. Ma, soprattutto, Glauco, innamorato non corrisposto di Scilla, è il suo antenato più diretto, e come Colapesce condannato per disgrazia, da bambino, alla metamorfosi che lo manterrà per sempre mezzo uomo e mezzo pesce.
          In una città imprecisata sul mare della costa orientale della Sicilia, Catania o Messina, un bambino di nome Cola, mentre gioca sulla riva, subisce la “mutazione” a causa dell’imprecazione della madre, stanca di richiamarlo fuori dall’acqua come ogni giorno. “Chi putissi addivintari un pisci!”: giusto in quel momento passa l’angelo e le parole della madre si traducono in realtà. Il bambino, con la parte inferiore del corpo trasformata in pesce, si tuffa in acqua e scompare.
          Rinato come Colapesce, diviene il re del mare, padrone di tutti i tesori sottomarini, amico e protettore dei naviganti. Fino a quando, un giorno viene sfidato a calarsi negli abissi dello stretto di Messina dal re Federico II, o più probabilmente Ruggero d’Altavilla, geloso del potere e della fama che Cola si era conquistati fra la gente del mare.
          A questo punto la tradizione popolare, come quella letteraria, forniscono diverse versioni. Interessantissimo, a questo proposito, un lungo saggio di Benedetto Croce, che ricostruisce il rapporto fra tradizione popolare e letteratura e ci informa sulle moltissime opere teatrali scritte, negli ambienti teatrali partenopei su “Niccolò Pesce” nella prima metà dell’Ottocento. Ma l’eroe è presente in tutta l’area del mediterraneo, in Francia ed in Spagna. In Sicilia, come si sa, Colapesce, per rispettare l’autorità del re soccombe negli abissi marini bruciato dal fuoco sotterraneo dell’Etna; oppure non muore, ma si sacrifica per reggere periodicamente, ma in eterno, una delle tre colonne, quella più malferma, sulle quali poggia la Trinacria. Colapesce diventa così l’eroe popolare della Sicilia, e il suo racconto corre in tutta l’isola.