Voglioilruolo.it ci informa che…

 

Già lo scorso anno in concomitanza della presentazione delle domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria per la prima volta in modalità telematica per infanzia e primaria, plaudendo all’innovazione dell’iniziativa, estesa quest’anno anche al personale del settore secondario, avevamo sollevato in un articolo delle perplessità legate all’impossibilità di poter richiamare durante la compilazione della domanda i consueti allegati di autocertificazione di titoli e servizi che normalmente si utilizzano a corredo di tali istanze come per quelle di mobilità. Non è mai troppo tardi per migliorarsi infatti a distanza di un anno nel pomeriggio di ieri, 8 luglio 2014, si è tenuta al MIUR alla presenza delle OO.SS. una dimostrazione delle applicazioni Polis  Mobilità Organico di fatto prima di renderle disponibili ai docenti.
La dimostrazione ha riguardato soltanto le funzioni relative alla mobilità “organico di fatto” della scuola primaria e dell’infanzia.
Tra le altre novità citiamo la possibilità di inserimento, nelle preferenze esprimibili con il sistema POLIS, anche di quella relativa alla tipologia “provincia”, per le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie in ambito interprovinciale, nonché quella di poter esprimere, per la scuola primaria, anche preferenze analitiche relative a scuole carcerarie, possibilità che non erano consentite dalla modalità POLIS per l’anno scolastico 2013/2014.
La novità più rilevante riguarda la possibilità di acquisizione a sistema di un archivio relativo a dichiarazioni sostitutive e documenti, che potranno essere scannerizzati.
Tale archivio è istituito per le dichiarazioni e la documentazione del personale docente delle scuole di ogni ordine e grado.
La funzione, utile alla costituzione di tale archivio, verrà aperta in concomitanza della presentazione delle domande per la scuola dell’infanzia e primaria e cioè a partire dall’11 luglio, ma rimarrà sempre aperta in maniera che gli interessati possano costituire e aggiornare un archivio personale, dal quale poter attingere anche per la presentazione di successive domande, sia di mobilità annuale sull’organico di fatto (utilizzazioni e assegnazioni provvisorie) che di mobilità sull’organico di diritto (trasferimenti e passaggi), da allegare di volta in volta a tali domande, nei termini e secondo le modalità previste dai CCNI e dalle O.M..

 

da voglioilruolo.it