Vogliono entrare In graduatoria i laureati in scienze della formazione primaria…(da Tuttoscuola)


 

Sta montando in tutta Italia la protesta dei laureati in scienze della formazione primaria per la mancata inclusione nelle graduatorie ad esaurimento.

L’aggiornamento delle graduatorie (termine ultimo la prossima settimana), secondo quanto previsto dal decreto ministeriale n. 44, non contempla la possibilità di nuovi inserimenti.

Il mancato inserimento di questi laureati, in possesso di regolare abilitazione, non dipende però dal decreto ministeriale (che si limita a dare applicazione a norme legislative). Soltanto una legge apposita può aprire le porte a questi laureati esclusi e consentire loro l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento che, certo, non potrà avvenire, comunque, in tempo utile per l’aggiornamento imminente.

La ragione della protesta ha un certo fondamento, in quanto la laurea abilitante in scienze della formazione primaria ha consentito fino al 2007-2008 l’inserimento di altri laureati nelle graduatorie ad esaurimento, ma a cominciare dal 2008/2009 l’inserimento è stato escluso con un perentorio “chi è dentro è dentro e chi è fuori è fuori”.

Bisogna riconoscere, però, che la condizione degli esclusi è identica a quella degli inclusi: stessa laurea, stesso piano di studi, stessa abilitazione, ma… diverso trattamento, al punto che c’è qualcuno che si spinge ad avanzare dubbi di incostituzionalità.

Si stima che siano circa ventimila studenti in Italia che non avranno accesso all’insegnamento tramite graduatoria. Per loro c’è soltanto la speranza del concorso che, se bandito in tempi utili, potrebbe consentire l’accesso al lavoro in tempi non biblici.

Invece, se si aprissero le porte delle graduatorie ad esaurimento, quei 20 mila (solo loro?) andrebbero ad infoltire la schiera di chi attende e spera. Per i laureati che vogliono accedere alla scuola dell’infanzia è bene sapere, tanto per regolarsi, che è iscritto nelle graduatorie ad esaurimento un numero di persone pari all’intero organico della scuola dell’infanzia statale. Per far posto a chi vuole entrare bisogna che prima escano per pensionamento tutti quelli che attualmente vi lavorano….